Cream tart con namelaka al cioccolato bianco



Queste torte hanno forme e decorazioni carinissime. Non so chi le abbia inventate, ma le cream tart sono una genialata! Basta veramente poco perché una semplice crostata si trasformi in un dolce molto particolare... serve solo tanta fantasia: si decorano con panna o crema usando la sac a poche o si spargono qui e là zuccherini colorati o roselline in pasta di zucchero o cioccolatini... Insomma non c'è limite all'estro.
Questa che vi propongo per esempio è a forma di cuore: perfetta per San Valentino!
Due cuori di pasta frolla guarniti con crema namelaka al cioccolato bianco, una crema vellutata e delicata senza uova, ottimo per chi ne è intollerante.
È molto semplice da realizzare, basta stampare l'immagine di un cuore della grandezza che si preferisce, si taglia la pasta frolla a forma, si cuoce e si decora. Niente di più.... Non ho ragione a definire queste torte una genialata??😉
Come si dice: massima resa con minima spesa.
Per le basi ho scelto ricette di grandi maestri della pasticceria; la torta sarà pure una semplice crostata, ma perché non renderla speciale e "griffata"?😅
In particolare la pasta frolla porta la firma di Montersino, la crema namelaka al cioccolato bianco di Loris Oss Emer.

Ingredienti
Pasta frolla
500 gr farina 00
300 burro
200 gr zucchero a velo
1 pizzico di sale
1 bacca di vaniglia
Buccia grattugiata di un limone bio

Namelaka al cioccolato bianco
370 gr cioccolato bianco
420 ml panna liquida fresca
210 ml latte intero fresco
4 gr gelatina alimentare (due fogli della paneangeli)
Coloranti alimentari in gel (io uso Wilton) verde, rosa, fucsia

Attrezzatura
Mixer ad immersione
Termometro a sonda
Taglierino o coltello a punta molto affilato
Sac a poche
Beccucci per foglia e per roselline
Stampini per fiorellini o cuoricini

Guarnizione
Perline colorate 

 Esecuzione
Come prima cosa prepariamo la namelaka perché prima del suo utilizzo bisogna attendere molte ore. 
Si inizia mettendo in ammollo in acqua fredda i fogli di gelatina alimentare. Si spezzetta il cioccolato bianco al coltello e si mette da parte. Portiamo a bollore il latte e aggiungiamo la gelatina idratata. Mescoliamo bene e versiamo sul cioccolato bianco. Quando è completamente sciolto, si frulla col mixer ad immersione. Appena il composto raggiunge i 35°, si versa a filo la panna liquida e fredda. Si continua ad emulsionare finché la crema non risulta liscia e lucida. A quel punto si lascia in frigorifero 12 ore. 

Per fare la pasta frolla a forma di cuore, come prima cosa dobbiamo cercare sul web l'immagine di un cuore. La grandezza è soggettiva: io ho ingrandito la figura coprendo completamente un foglio A4, stampato e ritagliato lungo i bordi.

Per la preparazione della pasta frolla, si taglia il burro freddo a pezzettini, si unisce alla farina e si procede con la sabbiatura, cioè si sfregano burro e farina con le mani fino a formare qualcosa simile alla sabbia appunto. Poi si aggiunge lo zucchero, i semi della bacca di vaniglia e la scorza grattugiata di un limone, si mischia al resto e infine si amalgamano i tuorli. Si deve ottenere un impasto omogeneo e morbido. La cosa fondamentale quando si prepara la frolla è non lavorarla troppo. 
Si appiattisce grossolanamente tra due fogli di carta forno e si fa riposare in frigorifero per almeno due ore o mezz'oretta in freezer.

Nel frattempo cerchiamo sul web l'immagine di un cuore. La grandezza è soggettiva: dipende da quanto grande si vuole realizzare la torta. Per avere monoporzioni o tante piccole torte, ci serviranno immagini di dimensioni ridotte; io volevo una cream tarte grande perciò ho scelto di ingrandire la figura finché non riempisse completamente un foglio A4. Ho stampato e ritagliato lungo i bordi.

Trascorse le due ore di riposo al freddo, prendere la pasta frolla e stenderla con un mattarello sempre usando due fogli di carta forno. Questo accorgimento servirà a non fare attaccare l'impasto al mattarello e non usare troppa farina sulla spianatoia. Bisogna ottenere uno strato di frolla di 0,5-1 cm massimo. Io uso degli spessori che mi aiutano ad essere più precisa, ma anche senza si può fare. L'importante è non stendere troppo sottile. 
A questo punto togliere il foglio di carta forno superiore e mettere la frolla sulla teglia dove cuocerà (questo trucchetto eviterà di rovinare la forma nel trasporto dopo il taglio. In questo modo il cuore sarà perfetto). Poggiare l'immagine a forma di cuore precedentemente ritagliata. Attenzione alla precisione del taglio! Usate un taglierino o un coltello a punta molto affilato...e tanta pazienza!!
Togliere l'eccesso di pasta e infornare a 160° per 15/20 minuti. Dovrà dorarsi ma non scurirsi troppo.
Ripetere questa stessa operazione per il secondo cuore.
Con i ritagli di pasta possiamo ottenere tanti cuoricini o fiorellini usando gli stampini che solitamente servono per le decorazioni in pasta di zucchero. La loro cottura è molto rapida e risulteranno utili come decorazione.
Far freddare bene prima di montare il dolce.

Dopo le 12 ore di riposo, prendiamo la crema namelaka e la dividiamo in più parti: lasceremo la maggior parte al naturale, bianca; ad una piccola porzione che servirà per fare le foglioline aggiungeremo una goccia di colorante verde; il resto lo dividiamo in due parti uguali in cui uniamo in una due gocce di colorante rosa, in un'altra due gocce di fucsia. Mescoliamo bene e rimettiamo la namelaka in frigo un'altra mezz'oretta. Nel frattempo prepariamo 4 sac a poche, una per "colore" e relativi beccucci. Io uso i Wilton o Decora, entrambi buoni, ma qualunque marca andrà bene, l'importante che un beccuccio sia per le foglioline e gli altri per fare le rose o gli spuntoni.

Per montare il dolce, mettere un cuore su un piatto di portata. 
Consiglio: per fermare la pasta frolla e non farla slittare sul piatto, sporchiamo il piatto stesso con un po' di crema e poi mettiamo la frolla. Questo la bloccherà e ci eviterà inconvenienti.
Usare la sac a poche con la namelaka non colorata per formare spuntoni a coprire l'intera superficie della frolla. Poggiare il secondo cuore e iniziare a giocare: usiamo tutte le sac a poche e alterniamo la namelaka fucsia per fare le rose con quella rosa per fare ciuffetti, quella bianca per gli spuntoni ed infine quella verde per le foglioline qua e là. Senza trascurare gli zuccherini colorati e i fiorellini e i cuoricini di frolla, buttati casualmente giringiro 😅
Qui la fa da padrona la fantasia. Io ho solo dato dei suggerimenti, ma ognuno può metterci del suo e renderla ancora più speciale ❤️








Share this:

JOIN CONVERSATION

    Blogger Comment

0 commenti:

Posta un commento